Ultime News
Da:”Picci e Zannelli” di Pietro Milone

Da:”Picci e Zannelli” di Pietro Milone

Un lettore affezionato dell’artista Pietro Milone scrive allo stesso poeta quanto segue:

Caru Petru:
Perduna se jeu cu la prisenti
Trasu intra li lo fatti e sugnu ‘mpartinenti
Nu paru danni arretu, pecchì non capiscisti
P’a Varia, a Militanu, `n satara lu mentisti.
Tantu ddha Varijeddha la fíci pe vidiri
Se fari chiddha grandi potiva arrinesciri.
E, sputa ca ‘ndivini, tantu votau e girau
Chi st’annu finarmenti la Varia cumbinau.
Ora, chi ti ‘ndi pari, dimmi la veritati
Non furu veramenti tutti maravigghiati?
Pentiti, addunca, senti, pentiti e a Militanu
appena chi lu ‘ncuntri abbasanci la manu.

II poeta Pietro Milone risponde:

“Sta beni, avi raggiuni
non aiu chi mi nci dicu
anzi ddha poisia
ora la smalidicu.
Chi cosa graziusa! Pari ca la pittau.
Ognunu chi la vitti si ‘ndi maravigghiau!
Chi giuvani d’ingegnu
Chi bella ‘nvenzioni
Già parranu li fogghi di tutta la nazioni.
Non c’è chi diri, è veru
Fu sempri nu grand’omu!
S’ammerita na statula
Pe chissu lu so nomu!
Evviva, addunca, sempri
Lu ‘ngegnu parmisanu.
Evviva sempri Parmi
e Peppi Militanu!…

 

Tratto da: ”Picci e Zannelli” di Pietro Milone

*La fotografia che ritrae il poeta palmese è tratta da: Pietro Milone, L’uomo il poeta, Tipografia Zappia, Reggio Calabria 1983.

Articolo curato da:

Rocco Balzama

Ethical & Growth Hacker | Blogger | Developer | Graphic & Web Designer | Consulent IT | Copywriter | SEO Specialist | CEH Certified

Articoli correlati